Top
blog immagine

Cosa si intende per welfare aziendale?

Cosa si intende per welfare aziendale?

Con l’espressione “Welfare Aziendale” si identificano una serie di servizi, erogazioni, prestazioni e benefit che un’azienda riconosce ai propri dipendenti con lo scopo di migliorarne la vita privata e lavorativa.
Non esiste una univoca definizione né un unico modello di welfare aziendale.
Le articolazioni più frequenti del welfare aziendale si concretizzano in:

  • rimborsi per le spese di istruzione;
  • sussidi per le spese sanitarie;
  • fondi di previdenza integrativa;
  • servizi sociosanitari;
  • card e buoni per il tempo.

Il Welfare aziendale si è recentemente diffuso in Italia grazie alle leggi di stabilità del 2016, 2017 e 2018. In base alla normativa, l’erogazione dei servizi di welfare aziendale non può essere legata unicamente iniziativa unilaterali del datore di lavoro ma deve essere prevista da a contratti e regolamenti aziendali. Deve essere concertata con le rappresentanze sindacali. E’ inoltre possibile convertire in servizi di welfare aziendale i cc.dd. premi di risultato.
Il vantaggio di erogare prestazioni di welfare aziendale è insito nell’esenzione IRPEF delle stesse.

Vantaggi del Welfare Aziendale

Il successo del welfare aziendale è in larga parte legato ai benefici fiscali che porta ad aziende e dipendenti, regolati principalmente dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR).
Da un lato, infatti, le aziende conseguono un risparmio contributivo, dall’altro i lavoratori vedono eliminate molte imposte a loro carico. La conseguenza è che 100 euro investiti in welfare aziendale, corrispondono a una spesa di 100 euro netti per l’azienda e a 100 euro spendibili per il dipendente.

I vantaggi per i dipendenti

Attraverso gli interventi di welfare aziendale, i dipendenti vedono aumentare il potere d’acquisto del proprio foglio paga. Conseguentemente aumenta il benessere per la famiglia, che si risolve in un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata.
In base alla normativa vigente, i servizi di welfare come viaggi, corsi di formazione, asili, check up medici e abbonamenti per la mobilità sono detassati.
Ancora, la possibilità prevista di convertire il premio di risultato in beni e servizi, comporta una defiscalizzazione e decontribuzione del salario, con conseguente aumento del potere d’acquisto. Insomma, il salario non è più l’unico modo per riconoscere il lavoro di un dipendente.

I vantaggi per le aziende

Attraverso le erogazioni e i benefit, le aziende si assicurano un risparmio sul costo del personale, la diminuzione del tasso di turnover e di assenteismo, un aumento della produttività dei propri dipendenti.
Il maggiore benessere dei collaboratori implica una crescita della motivazione e della produttività. Inoltre, la loro maggiore serenità influisce fortemente sul clima aziendale, che risulta più disteso e collaborativo.
L’impatto del welfare aziendale è anche molto forte sull’employer branding: offrire ai dipendenti servizi di welfare aziendale influisce sull’attrattività che l’azienda ha all’esterno, verso nuove possibili risorse e sulla capacità di tenere con sé i propri talenti.

I vantaggi per il sistema Paese

Attraverso gli strumenti esposti si genera un mercato di erogatori di servizi di welfare e si agevola la lotta al c.d. lavoro nero.

Se sei alla ricerca di metodi per ridurre il cuneo fiscale della tua azienda, allora ti consigliamo di consultare anche il nostro contributo sulla CESSIONE DEL MARCHIO.
Sempre in tema di marchi, per capire meglio di cosa parliamo, suggeriamo il contributo REGISTRARE UN MARCHIO.

Se vuoi migliorare il tuo controllo di gestione e ridurre il cuneo fiscale, contattaci per una consulenza preliminare gratuita. Ascolteremo quanto vorrai condividere e insieme delineeremo un piano per migliorare le prestazioni della tua azienda.

Studio Legale Salata

#DallaParteDelleImprese

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita

Articoli correlati

Gli articoli 470 e seguenti del codice civile disciplinano l’accettazione dell’eredità. Il codice individua vari modi per accettare un’eredità: accettazione espressa; accettazione tacita; accettazione con beneficio d’inventario. Con l’accettazione dell’eredità […]

Quanti tipi di testamento conosci? La successione si definisce testamentaria quando un soggetto dispone delle sue sostanze per il tempo successivo alla propria morte mediante la redazione di un testamento, […]

La successione è il fenomeno giuridico per mezzo del quale un soggetto subentra ad un altro nella titolarità di uno o più diritti appartenenti al defunto. La successione si apre […]