Top

Ponti d’oro al contribuente che fugge

[:it]Le sanzioni dovute in materia di IMU, TASI e TARI a seguito del ravvedimento operoso sono state dimezzate con la riforma 2016 delle sanzioni tributarie (d. lgs. 158/2015). Coloro che non hanno pagato, in tutto o in parte, gli acconti o li versano oltre tale data, possono regolarizzare le violazioni pagando una mini sanzione dello 0,1% per ogni giorno di ritardo fino a 14 giorni dalla scadenza. Se il pagamento avviene oltre questo termine e fino a 30 giorni dalla scadenza la sanzione è dovuta nella misura dell’1,5%. Oltre tale termine e fino a 90 giorni, la sanzione sale all1,66%.

L’ultima spiaggia è il ravvedimento lungo entro 1 anno, ma con una sanzione più elevata, nella misura del 3,75%, che rimane invariata rispetto alla precedente previsione normativa.

Il legislatore, quindi, garantisce un’agile finestra per evitare spiacevoli conseguenze, a patto di ottenere un più rapido ravvedimento.

Avv. Antonio Faberi[:]

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita

Articoli correlati

Con grande soddisfazione annunciamo che lo Studio Legale Salata, nella persona dell’Avv. Aurelio Salata, è ufficialmente il primo Studio a Roma accreditato come Partner 24Ore Avvocati in materia di Contrattualistica […]

L’Incostituzionalità La Corte Costituzionale, nella seduta del 19.11.2020, ha esaminato le questioni di legittimità riguardanti l’indeducibilità dell’IMU, per il 2012, dalle imposte erariali sui redditi. All’esito, la Corte Costituzionale ha […]

Il contratto di somministrazione di lavoro è definito dall’art. 30 D.lgs 81/2015 come il contratto, a tempo determinato o indeterminato, con il quale un’agenzia di somministrazione autorizzata ai sensi del […]