Top
blog immagine

Permessi Studio: a chi spettano?

A chi spettano i permessi Studio?

I lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non sono obbligati a prestazioni di lavoro straordinario o durante i riposi settimanali. Ciò è quanto stabilisce l’art. 10, co. 1, L. 20.5.1970, n. 300.

Il “corso regolare di studio” è quello istituito presso una delle scuole previste ex art. 10, che richieda una regolare frequenza per il conseguimento di titolo di studio con valore legale.

La giurisprudenza maggioritaria ha chiarito come il diritto ad un orario di lavoro compatibile con la frequenza dei corsi scolastici seguiti spetti al lavoratore studente sia nel caso in cui un tale orario di lavoro già esista nell’organizzazione aziendale, sia nell’ipotesi in cui la sua apposita istituzione, riguardo al solo lavoratore studente non appaia, sul piano del sacrificio economico organizzativo aziendale, eccessivamente onerosa. In questo caso, il datore può richiedere al lavoratore la certificazione comprovante l’iscrizione e la frequenza ai suddetti corsi.

Il permesso studio è retribuito?

Fatte salve eventuali più favorevoli previsioni degli accordi individuali o collettivi, tutti i lavoratori studenti, hanno il diritto di fruire di permessi giornalieri retribuiti per sostenere le prove di esame. Poiché la finalità della norma e connessa all’esigenza di accrescere la professionalità del lavoratore ed il suo patrimonio culturale, il beneficio non può essere limitato a un solo corso di studi, e si estende anche ai lavoratori studenti universitari che abbiano già conseguito altro diploma di laurea o titolo equipollente. Nell’ottica di un equo bilanciamento degli interessi, i permessi per studio spettano anche ai lavoratori a tempo determinato.

Serve il certificato dell’esame sostenuto?

Su richiesta del datore di lavoro, il lavoratore è obbligato a produrre idonea certificazione, rilasciata normalmente dall’ente esaminatore, dalla quale risulti che si è regolarmente presentato al fine di sostenere l’esame, a prescindere dall’esito del medesimo.

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita

Articoli correlati

Il diritto di esclusiva è disciplinato all’art. 1743 cod. civ. ed è previsto per entrambe le parti ossia vale sia a favore dell’agente sia a favore del preponente. La norma […]

Il Tribunale di Udine, con pronuncia del 27.05.2022, ha enunciato un principio di diritto che rappresenta un cambiamento cruciale nella disciplina giuslavoristica e si pone come importante argine contro i […]

In tema di licenziamento e di articolo 18 della Legge 20/05/1970, n. 300, come modificato dall’art. 1, c. 42, lett. b), della legge 28/06/2012, n. 92 appare doveroso un esame […]