Top
blog immagine
Data Aggiornamento: Giugno 2021

DECRETO INGIUNTIVO EUROPEO

Il procedimento di ingiunzione di pagamento europeo è anche detto “Decreto Ingiuntivo Europeo”.

E’ disciplinato dal Regoalemento CE 1896 2006 e si utilizza per recuperare crediti oltre i confini italiani.

 

Quando è possibile richiedere un Decreto Ingiuntivo Europeo?

Il suddetto procedimento si applica solamente alle controversie transfrontaliere, in cui una delle parti abbia la residenza o il domicilio in uno stato membro diverso rispetto a quello del Giudice adito.

I crediti per cui è possibile procedere sono quelli avente natura commerciale o civile, con espressa esclusione di quelli in materia di famiglia, successioni, tributaria e amministrativa.

 

Quali prove servono per il Decreto Ingiuntivo Europeo?

Il ricorrente non è tenuto a presentare prove documentali, ma solo una descrizione delle stesse attraverso una dichiarazione, attestante la verità, che dovrà essere stilata secondo coscienza e fede.

 

Qual’è la procedura per il Decreto Ingiuntivo Europeo?

L’assistenza legale non è espressamente richiesta nè categoricamente necessaria. Consigliamo tuttavia di rivolgersi ad un avvocato che conosca la normativa e sappia compilare la modulistica da predisporre per recuperare crediti oltre i confini nazionali.

Compilata correttamente la modulistica, il Giudice impiegherà circa 30 giorni per accogliere o rigettare la domanda.

L’eventuale opposizione del debitore dovrà pervenire innanzi allo stesso Giudice che ha pronunciato il provvedimento entro e non oltre 30 giorni dalla notifica dell’ingiunzione.

In caso di mancata opposizione da parte del debitore, il Giudice dichiarerà esecutiva l’ingiunzione di pagamento.

A quel punto l’ingiunzione potrà essere eseguita in tutti gli Stati membri senza ulteriori attività per il suo riconoscimento.

Relativamente alla messa in esecuzione di titolo nei paesi dell’Unione, consigliamo di leggere il nostro contributo sul Titolo Esecutivo Europeo (T.E.E.).

 

Lo Studio Legale Salata offre una consulenza preliminare gratuita al fine di valutare la convenienza e possibilità di recuperare crediti in paesi dell’Unione Europea.

-Studio Legale Salata

 

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita, potresti scoprire strategie d’impresa che ti aiuteranno a ridurre i costi e aumentare i profitti.

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita

Articoli correlati

Il contratto di comodato trova la sua disciplina nell’art. 1803 c.c., che espressamente lo definisce come “il contratto col quale una parte consegna all’altra una cosa mobile o immobile, affinché […]

La Legge 218/1995, recante la disciplina del Diritto Internazionale Privato, al titolo IV regola l’efficacia di sentenze e atti stranieri agli articoli dal 64 al 71. In ambito comunitario, il […]

È già stata affrontata nel nostro blog la tematica riguardante i patti parasociali, fornendo una panoramica sulla disciplina generale e le sue peculiarità. Per l’approfondimento si rimanda all’articolo “I patti […]