Top
blog immagine

Dominio web, domain grabbing e cybersquatting

Il dominio web

Il dominio è quello spazio all’interno del web di cui un soggetto può divenire proprietario, identificandolo come proprio. È caratterizzato da una serie di lettere e numeri che, tradotti, compongono gli indirizzi web che abitualmente permettono l’accesso ad un dato sito internet.

Si tratta quindi di un sistema di riconoscimento specifico attraverso cui si associa un determinato spazio web ad una determinata persona.

La proprietà del dominio web

Lo spazio digitale, al fine di poter essere associato ad una determinata persona, società o ente, deve essere innanzitutto acquistato. È pertanto necessario acquisirne la proprietà dapprima attraverso l’acquisto dello spazio e, poi, a mezzo della registrazione del dominio stesso.

Ed infatti, caratteristica principale del dominio web è quella di essere unico. Il dominio può infatti essere registrato da una sola persona, società o ente, avendo come scopo principale quello di consentire l’utilizzo esclusivo del connesso sito web.

La conservazione del dominio

L’acquisto e contestuale registrazione del dominio web, che si effettua a mezzo di società che offrono tali servizi direttamente online, non consente tuttavia l’utilizzo illimitato dello stesso.

Il dominio registrato permette al suo titolare di goderne fino ad una certa data, allo scadere della quale il proprietario, se intende continuare ad utilizzare il dominio web, dovrà provvedere al suo rinnovo.

Se un dominio supera la data di scadenza, la società che ha offerto il servizio di registrazione del dominio può bloccare il suo utilizzo al titolare fino a disattivare il sito connesso, in attesa che il titolare adempia a quanto necessario per il rinnovo.

Il Domain grabbing

Con l’espressione anglosassone domain grabbing si fa riferimento alla tendenza molto diffusa di registrare un dominio allo scopo non di utilizzarlo, bensì per rivenderlo, traendone un maggior profitto.

A ben vedere il commercio e rivendita dei domini è un’attività del tutto legale, riconosciuta anche nel nostro paese, purché venga effettuata nel rispetto dei principi in tema di tutela del marchio e della concorrenza.

Il Cybersquatting

A differenza dell’attività di rivendita dei domini, il cybersquatting è un’operazione illecita attraverso cui si ottiene abusivamente la registrazione di un dominio contenente il nome o segno identificativo di un altro soggetto, a cui è stato di fatto sottratto. Ciò al fine di rivendere il dominio così creato a prezzi notevolmente superiori rispetto al costo di acquisto e registrazione e lucrare sull’altrui proprietà digitale.

Tale scopo viene spesso raggiunto attraverso l’inserimento, all’interno del sito web a cui rimanda il dominio, di contenuti denigratori, spregiativi o a carattere personalissimo del titolare del nome.

Protezione del dominio

Nel nostro paese non è presente una legislazione ad hoc in tema di cybersquatting, in grado di tutelare il proprietario il cui dominio è abusivamente utilizzato da soggetti terzi.

Tuttavia, in caso di contestazione in merito all’assegnazione di un dominio è messo a disposizione dell’utente lo strumento dell’opposizione alla concessione del dominio.

Tale procedura consente al proprietario danneggiato di definire, a mezzo di un arbitrato irrituale ovvero attraverso il ricorso alla magistratura ordinaria, ovvero ancora tramite la procedura di riassegnazione, la titolarità del dominio ed ottenere appunto la riassegnazione dello stesso.

Allo stesso modo il titolare del dominio potrà ricorrere, ai fini della tutela della proprietà digitale, alle norme civilistiche in tema di tutela del nome (art. 6 e 7 Codice Civile), nonché alla disciplina in tema di protezione del marchio (Codice Proprietà Industriale).

Hai bisogno di assistenza per tutelare la tua proprietà digitale? Rivolgiti allo Studio Legale Salata per ricevere una prima consulenza legale gratuita ed ottenere assistenza per la soluzione del tuo problema.

Studio Legale Salata

Contattaci per una consulenza preliminare gratuita

Articoli correlati

Gli articoli 470 e seguenti del codice civile disciplinano l’accettazione dell’eredità. Il codice individua vari modi per accettare un’eredità: accettazione espressa; accettazione tacita; accettazione con beneficio d’inventario. Con l’accettazione dell’eredità […]

Quanti tipi di testamento conosci? La successione si definisce testamentaria quando un soggetto dispone delle sue sostanze per il tempo successivo alla propria morte mediante la redazione di un testamento, […]

La successione è il fenomeno giuridico per mezzo del quale un soggetto subentra ad un altro nella titolarità di uno o più diritti appartenenti al defunto. La successione si apre […]